Riviera di Ulisse Anfiteatro di Minturno
RIVIERA DI ULISSE

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: 10 esperienze insolite

Le dune di Sabaudia, i panorami del Circeo, i vicoli di Sperlonga e le spiagge di Gaeta sono tra i luoghi più apprezzati e fotografati della Riviera di Ulisse, che però racchiude tante altre bellezze meno note. Eccone alcune.

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: il Sentiero di Ulisse

Costeggia la via Flacca, è immerso nella vegetazione e offre vista mare lungo l’intero percorso. Si può parcheggiare la macchina di fronte al museo archeologico di Sperlonga e incamminarsi da qui. Il tratto iniziale si affaccia sui resti della villa di Tiberio e sulla spiaggia di Levante, più avanti si può scendere giù fino a Bazzano e continuare a passeggiare nella splendida cornice della “terza spiaggia”.

Riviera di Ulisse
Sentiero di Ulisse a Sperlonga

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: scovare le maioliche di Sperlonga

Associamo di solito le maioliche alla costiera amalfitana in Campania, oppure alla città di Palermo, che addirittura custodisce un bellissimo museo che celebra questa antica arte. Eppure, anche nella cittadina dai vicoli bianchi e dalle salite impervie, gli osservatori più attenti le avranno notate. O se non lo aveste già fatto, sarà un compito da svolgere durante la vostra prossima visita al bellissimo borgo.

Riviera di Ulisse
Maioliche a Sperlonga

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: salire sul Castello di Fondi

Quando si pensa alla Riviera di Ulisse, non viene mai citata la città di Fondi, a vocazione prevalentemente agricola per la sua terra fertile e per il secondo mercato ortofrutticolo più grande d’Europa. E perché il suo immenso litorale, che dista 10 Km dalla città, è il più selvaggio. Ma nel centro storico scoverete monumenti di gran pregio, come il suo castello medievale, uno dei pochi al mondo a sorgere in piano. Salendo fin su godrete di una splendida vista sull’intera città.

cosa fare e cosa vedere a Fondi

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: visitare la Chiesa di San Martino a Fondi

Il centro storico di Fondi è pieno di chiese, ma ce n’é una minuscola, nascosta tra i vicoli stretti, che merita una menzione a parte. Testimonia la stretta connessione della città con le sue radici romane: durante il recente restauro, è stata scovata un’antica domus, che si scorge al di sotto della pavimentazione in vetro. Prima di programmare una visita, è consigliabile contattare la pro loco per il dettaglio sugli orari di apertura.

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: ammirare la facciata della Chiesa del Purgatorio a Terracina

Quando ve la troverete davanti, vi sembrerà di essere nella val di Noto in Sicilia. Invece siete a Terracina “alta”, la parte più antica della città. Aldo, Giovanni e Giacomo hanno scelto di ambientare qui davanti alcune scene del film “Tu la conosci Claudia”? La città non è estranea a scelte di questo tipo, già Luciano Ligabue scelse di girare il video di Happy Hour nel tempio di Giove Anxur.

Riviera di Ulisse Terracina alta Chiesa del Purgatorio
Facciata neobarocca della Chiesa del Purgatorio a Terracina

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: visitare la Cappella con il soffitto d’oro a Gaeta

All’interno del Santuario della Santissima Annunziata a Gaeta si nasconde la “Cappella d’Oro” (o “Grotta d’Oro”). È così chiamata perché presenta sul soffitto delle decorazioni lignee rifinite in oro, risalenti alla prima metà del XVI secolo. Proprio per la ricchezza presente al suo interno, venne a lungo tenuta nascosta ai fedeli.

Riviera di Ulisse
Cappella d’Oro nel Santuario della Santissima Annunziata a Gaeta

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: ammirare Gaeta da Monte Orlando

Nella vasta rete dei parchi della provincia di Latina, anche il parco regionale di Monte Orlando, ricco di specie vegetali e panorami mozzafiato, come la caratteristica falesia nel tratto finale. C’è però un punto, che spicca particolarmente per bellezza: quello da dove Gaeta si scorge in lontananza, in tutto il suo splendore, con il Castello Aragonese che domina per imponenza.

Cosa vedere e cosa fare a Gaeta
Vista su Gaeta da Monte Orlando

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: escursione all’Eremo di San Michele Arcangelo

Si tratta di una bellissima chiesetta incastonata tra le rocce dei Monti Aurunci. Si trova lungo un sentiero molto praticato dagli escursionisti della zona, che conduce fino alla cima del Monte Redentore nella località di Maranola, frazione di Formia. Il santuario rupestre risale a prima dell’anno Mille, mentre la facciata in stile neogotico è più recente, costruita nel 1893. Il sentiero da percorrere per raggiungere il santuario non è molto pendente, ed è lungo poco più di 7 Km.

Riviera di Ulisse
Eremo di San Michele Arcangelo sul Monte Redentore (Formia)

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: passeggiare nel Rione Castellone a Formia

È un colorato borgo medievale, che conserva una torre di avvistamento, una cripta con le reliquie di Sant’Erasmo (patrono di Formia) la cui storia è strettamente intrecciata a quella del borgo, ed infine, il Cisternone romano recentemente restaurato.

Cosa fare nella Riviera di Ulisse: visitare l’Anfiteatro di Minturno

Poco conosciuta ma soprattutto poco sponsorizzata, l’area archeologica dell’antica città di Minturnae. Attualmente, sono visibili i resti del foro di età repubblicana, del Capitolium, del foro imperiale, dell’antico mercato, delle antiche terme ma soprattutto del Teatro Romano risalente al I secolo d.C., con una capienza, all’epoca, di circa 4 mila spettatori.

Riviera di Ulisse Anfiteatro di Minturno
Complesso archeologico di Minturnae

Se vi è piaciuto questo articolo, forse potreste essere interessati a questi itinerari tematici nella Riviera di Ulisse.

18 Comments

  • Giorgia

    Dopo aver letto questo articolo, sicuramente approfondirò la mia visita a Sperlonga e Gaeta! Penso di aver dedicato loro troppo poco tempo e poi sarebbe bello visitare anche le altre località!

  • Ilenia

    Un paio di posti me li ero già segnati perché li avevo scovati curiosando online; ottimi spunti di cui terrò conto in occasione di una visita alla Riviera di Ulisse, zona che conosco poco. Anni fa visitai il Museo Archeologico di Sperlonga, bellissimo sia per i reperti che per il paesaggio

    • 24hourstrotter

      Il Museo Archeologico di Sperlonga è sicuramente un must, c’è davvero parecchio da vedere! Ovviamente la scelta va fatta in base ai giorni che hai, queste sono cose che ti consiglio di fare se hai parecchio tempo di dedicare all’intera zona

  • Valentina

    Non conoscevo minimamente la Riviera di Ulisse! Ho sentito nominare alcune di queste località (ad esempio Gaeta) ma non ho mai pensato di organizzare un tour in quelle zone, ora mi hai fatto venire voglia

  • Giovanna

    WOOW l’Eremo di San Michele Arcangelo deve essere di una bellezza unica, percorrere il sentiero che ti porta poi ad ammirare questo spettacolo. Un gioiello incastonato nella roccia

  • Annalisa Trevaligie-Travelblog

    Sono di Gaeta e apprezzo moltissimo i tuoi articoli dedicati alla Riviera di Ulisse. Un territorio che per anni è stato messo in un angolo, e che ora è riuscito a salire in cima alla lista delle mete più ambite di questi ultimi anni. C’è ancora molto da fare e noi dobbiamo continuare a valorizzare la zona con articoli come questi!

    • 24hourstrotter

      Concordo Annalisa! È da tempo che nel mio piccolo cerco di “battermi” per far valere queste zone, che non hanno nulla da invidiare ad altri tratti di costa più gettonati, anzi…
      Ci ho persino scritto una tesi su, in particolar modo su una possibile strategia di integrazione territoriale, chissà! Man mano forse si comincia ad intravedere qualche piccolo balzo in avanti

  • Eliana

    Ho visto una puntata di 4 Ristoranti con Alessandro Borghese e ho scoperto piacevolmente questa zona proprio così! E infatti ora voglio proprio scoprirla e quindi perchè non programmare un viaggio per la prossima Pasqua proprio qui? Mi salvo il tuo articolo!

    • 24hourstrotter

      Sii! Esatto, da grande fan di 4 Ristoranti ovviamente l’ho vista più di una volta quella puntata. Pasqua credo sia un periodo perfetto, non affollato come agosto e temperature miti ma non afose. Ottima scelta!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.