cosa vedere a Bruxelles
Europa

Cosa vedere a Bruxelles, Bruges e Gent

Un weekend in Belgio può essere la scelta ideale per un breve ma ricco viaggio a pochi passi dall’Italia. L’area è turisticamente molto attraente per la concentrazione di località note ben collegate tra loro e situate a distanze irrisorie le une dalle altre. Cosa vedere a Bruxelles e dintorni?

Cosa vedere a Bruxelles e dintorni: centro di Bruxelles

Nonostante Bruxelles sia la capitale d’Europa, dà l’impressione di essere una tranquilla cittadina di provincia, mai caotica, con poca gente che si aggira per le strade anche nelle ore di punta. Non stupitevi se i negozi chiudono i battenti alle 17 in punto.

Bruxelles è la città dei contrasti evidenti: la vista degli enormi palazzi di vetro ed acciaio nella zona UE non trasmette nient’altro se non pura alienazione. Diversi invece i maestosi palazzi del centro storico, dove si respira un’atmosfera raccolta, di pura quiete e compostezza. Inutile dire quanto sia fantastica la Grand Place, quanto sia simpatico il minuscolo Manneken Pis, e quanto siano solenni ed imponenti le numerose chiese presenti. Dovunque venditori di waffles, patatine fritte, cioccolato, birra. Questo è quanto c’è di tipico, potrebbe mai esistere al mondo qualcuno che non adori tutto ciò?

Da non perdere: Grand Place, Mannequin Pis, Museo di Magritte, Parco del Cinquantenario, quartier generale UE, Atomium

Cosa fare a Bruxelles: divertimento

Bruxelles non sarà certo l’Ibiza o la Mikonos del Nord, ma per chi è alla ricerca di un divertimento moderato o semplicemente vuole concludere la serata tra quattro chiacchiere in allegria e una buona birra, può andar bene. Il sabato sera ci si immerge in un’atmosfera decisamente meno pacata di quella che si respira durante il resto della settimana.
Non distante dalla Grand Placeil Cafè des Halles, un ex mercato coperto dove si mangia, si beve, si ascolta musica live e lo spazio di una parete viene riservato ad esposizioni fotografiche di artisti emergenti. Attorno a Place Saint Gery si sviluppano stradine piene di locali, ristoranti tipici e di cucina internazionale, soprattutto asiatica. Ritornando verso la borsa e oltrepassando nel verso contrario la Grand Place, altri ristoranti e locali sorgono tra Rue des Bouchers e Impasse de la Fidelitè, minuscola stradina chiusa dove, nella parte finale, sulla destra, è seminascosta, racchiusa in un cancelletto con tanto di lucchetto annesso, la Janneke Pis, versione femminile del Manneken Pis simbolo della città. Impasse de la Fidelitè è nota per il Delirium Café, uno dei pub più famosi al mondo, tempio sacro per gli amanti della birra. Botti, lattine, tappi, atmosfera underground resa unica dalla solarità che qui assume la gente, dalla musica e dall’odore forte del luppolo. Tutto questo fa da cornice ad un inventario che conta più di mille diverse tipologie di birra (tra cui opzioni senza glutine). Calore, brama di conoscere gente, culture e abitudini diverse, quel modo di ridere e di scherzare tipico di chi è in viaggio emergono con totale facilità in questo posto. Il Delirium Café è forse tra le migliori esperienze che si possano fare durante una tappa nella capitale d’Europa e in un weekend nelle Fiandre.

Cosa vedere a Bruxelles e dintorni: Bruges

Il centro storico di Bruges sembra disabitato, rimasto intatto nel corso dei secoli. Per le vie si respira un’aria fiabesca, i turisti restano incantati da qualsiasi cosa si trovi sotto i loro occhi. Sarà forse per il fascino incredibile che l’acqua e i canali donano a questo posto. Tutti, almeno una volta nella vita, dovrebbero trascorrere del tempo in questo luogo che strega, ammalia, ipnotizza, porta gioia ma anche una dolce malinconia nel cuore. Uno di quei posti che non si dimenticano facilmente.

Per pranzo potrete optare tra i tipici fast food belga che offrono deliziose fries in comodissimi coni di cartone o in vaschette, i vari ristoranti di cucina internazionale o quelli di cucina locale. Il piatto tipico è costituito da cozze cotte nella birra accompagnate da patatine fritte.

Da non perdere: i canali, Piazza del Mercato con la torre campanaria (Belfort), il Burg, la Chiesa di Nostra Signora che custodisce una scultura di Michelangelo, il lago dell’amore (Minnewater)

Cosa vedere a Bruxelles e dintorni: Gent

Gand dista solo mezz’ora di treno da Bruges. Città universitaria, è piena di giovani e sempre movimentata, viva. Anch’essa sorge sull’acqua e gran parte del fascino, così come per Bruges, lo deve ai canali e ai palazzi che in essi si riflettono perfettamente, come in un dipinto.

Da non perdere: la torre campanaria, la Cattedrale di San Bavone, il Gravensteen, il quartiere medievale Patershol, gli edifici sulle sponde del fiume Lys, il Grasburg (ponte delle Erbe) e il ponte di San Michele

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche Cosa vedere a Praga in un weekend.

3 Comments

  • thegreatsix

    Heyyy bellissimo post! Noi staremo facendo questo blog per la scuola, e ci piacerebbe tanto vincere!! Potresti per favore seguirci, commentare oppure mettere mi piace ai nostri post per favore? Se lo fai grazie mille e complimenti ancora per il tuo fantastico blog!:) ovviamente ricambiamo le notifiche!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.