24 Hours Trotter

Cose da vedere a Terracina in un giorno

Tra le più sorprendenti cittadine del sud pontino, Terracina si presenta con un animo green e una cultura millenaria protesa tra mare e terra, strettamente legata a vicende mitologiche di fama internazionale. Le cose da vedere a Terracina sono molte, ma un giorno potrebbe bastare per averne un primo assaggio.

Cose da vedere a Terracina: Tempio di Giove Anxur

Il tempio di Giove Anxur è il simbolo di Terracina e il suo monumento più visitato. Sorge in cima al Monte Sant’Angelo, più noto tra turisti e residenti come Monte Giove. Da qui si scattano delle eccellenti fotografie in ogni momento della giornata: in mattinata avrete il sole alle spalle, mentre nel tardo pomeriggio potrete ammirare un magico tramonto sul Monte Circeo e sulle isole pontine che si scorgono in lontananza.

Cose da vedere a Terracina alta: il centro storico

Il centro storico di Terracina si trova nella parte alta della città. Si può raggiungere sia a piedi che in macchina, ma in estate trovare parcheggio potrebbe rivelarsi una vera impresa. Le vie strette sono piene di ristoranti, locali dove si concentra la gran parte della movida e l’atmosfera al calar del sole è piuttosto suggestiva.
Di seguito, i suggerimenti su cosa vedere a Terracina nel centro storico.

Chiesa del Purgatorio (o Chiesa dei Suffragi)

È preceduta da una piccola scalinata quella che sembrerebbe a tutti gli effetti una piccola chiesa tardo-barocca della Sicilia orientale. Infatti, in pochi sanno che venne scelta da Aldo, Giovanni e Giacomo come location per la scena finale di “Chiedimi se sono felice”, di ambientazione siciliana. La Chiesa del Purgatorio a Terracina venne costruita nel 1787 sui resti della Chiesa Medievale di San Nicola.

Chiesa del Purgatorio

Il Foro Romano

Anche a Terracina i romani lasciarono traccia. L’antico complesso monumentale del Foro Emiliano risale al I sec. d.C., costruito su ordine di Aulo Emilio. In antichità era sormontato da templi, statue, colonnati. La pavimentazione visibile oggi è ancora quella originaria a lastre calcaree. Poco distante da qui, nella parte est di Piazza del Municipio, sono invece esposti alcuni resti dell’antico anfiteatro.

resti del foro Emiliano a Terracina alta

Museo Civico Archeologico Pio Capponi

Il museo Pio Capponi si trova all’interno della Torre Civica Medievale affacciata su Piazza del Municipio. La sua fondazione risale al 1894, quando si cominciò a riordinare i reperti provenienti dagli scavi condotti nel territorio ed in particolare nel sito archeologico del Tempio di Giove Anxur. Custodisce statue, sarcofagi, iscrizioni sepolcrali ed altri reperti di gran valore.

Cattedrale San Cesareo (o Duomo di Terracina)

È il principale luogo di culto a Terracina nonché uno dei principali nel basso Lazio. Venne edificata nel VI secolo sull’antica struttura del tempio romano dedicato a Giove, Minerva e Giunone, subendo numerosi restauri nel corso del tempo (l’ultimo nel 1926). Il campanile in stile normanno è databile al XII secolo e fu forse eretto da chi si occupò anche del campanile del Duomo di Gaeta. La cattedrale oggi si presenta con tre navate, mentre originariamente erano cinque.

Cattedrale di San Cesareo

Cose da vedere a Terracina bassa

È la zona commerciale, dove si concentrano per lo più negozi e ottimi ristoranti di pesce. Ma è anche la zona del porto e del bellissimo lungomare. Le vie principali sono via Roma, prosecuzione di Via Appia, e Viale della Vittoria, che perpendicolare alla prima giunge dritta al lungomare.

Chiesa del Santissimo Salvatore

Si trova lungo Via Roma, principale arteria commerciale di Terracina. Di recente costruzione, fu terminata nel 1845 e rappresenta uno dei più grandi esempi di architettura neoclassica in Italia. Il progetto iniziale fu affidato a Giuseppe Valadier, mentre nel 1830 fu Antonio Sarti a prendere l’incarico e ad ultimare l’opera.

Passeggiata del lungomare

Il lungomare di Terracina è la parte più frequentata della città. Bar, ristoranti, una gigante friggitoria di pesce all’incrocio con Viale della Vittoria ed una pista ciclabile vista Circeo e isole pontine. È la Terracina giovane e sostenibile, che si è rinnovata, che attrae molti residenti dei comuni limitrofi e un numero sempre crescente di turisti.

Cosa fare a Terracina e dintorni

Il Parco dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi abbraccia anche il comune di Terracina; in particolare, tra Terracina e Sonnino sorge il monumento naturale Campo Soriano, conosciuto come “Rava di San Domenico” o “Cattedrale”. Si tratta di un masso calcareo alto circa 18 mt, la cui forma è stata fortemente modellata dall’erosione, fino a sembrare, appunto, una cattedrale. Dal monumento naturale parte il sentiero n.5, lungo 7.6 km che arriva fino a Monte Cavallo Bianco a Sonnino. È un percorso di trekking facile, con un dislivello trascurabile.

Se vi tratterrete qualche giorno in più, provate a dare un’occhiata a cosa vedere nella Riviera di Ulisse.

Exit mobile version