24 Hours Trotter
stai leggendo

Le cose da vedere a Vienna in tre giorni: itinerario breve

0
Europa

Le cose da vedere a Vienna in tre giorni: itinerario breve

cose da vedere a Vienna in tre giorni

Vienna è piena di edifici eleganti dalle cupole acquamarina, per le vie del centro si respira quell’aria fiabesca che probabilmente avrete immaginato da sempre, ma basta spostarsi un po’ dal classico circuito turistico che si snoda attorno alla Ringstrasse per cogliere un animo totalmente diverso da quello principesco. Vienna è una città che sperimenta, dove convivono gli stili più disparati, e che si fa ancora pioniera di avanguardie. Le cose da vedere a Vienna in tre giorni sono molte, ma dovreste riuscire a visitare il grosso. Quello che lasciate, potrebbe essere un’ottima occasione per tornare in una città tanto raffinata quanto varia.

Quando visitare Vienna: il periodo migliore

Il periodo migliore per visitare Vienna è senza ombra di dubbio quello a cavallo tra novembre e dicembre, quando le principali piazze cominciano a riempirsi dei mercatini di Natale. I Christmas Markets viennesi sono infatti tra i più belli d’Europa, ma anche quelli più gettonati! Per cui, se odiate la confusione, meglio optare per una visita della città in autunno, quando saranno i colori dei parchi a riempirvi gli occhi di felicità, oppure durante l’estate, tra quiete, bel tempo e giornate lunghissime.

Tutte le cose da vedere a Vienna in tre giorni

Ringstrasse

Le attrazioni principali si trovano lungo la Ringstrasse, l’anello che ruota attorno al centro. Quest’area può essere girata a piedi, oppure salendo e scendendo dal tram che effettua fermate davanti ai più importanti monumenti. Questa è l’opzione consigliata se il tempo a vostra disposizione non è molto.

Si può iniziare dalla Staatsoper, l’Opera di stato, il cui esterno somiglia molto all’Opera Garnier di Parigi; si incontrano poi il Museo di Storia Naturale e il Museo di Storia dell’arte; resterete senza fiato davanti all’imponente Palazzo del Parlamento e al Rathaus, municipio in stile gotico.

Cattedrale di Santo Stefano – duomo di Vienna

Tra i principali monumenti del centro storico, impossibile perdervi il duomo di Vienna. Il campanile è uno dei più alti del mondo e la sua guglia è visibile da ogni punto della città. Si può salire fino a su, inutile dire che il panorama da qui è magnifico.

cose da vedere a Vienna
Duomo di Vienna

Hofburg Palace

Tappa imperdibile per gli amanti della Principessa Sissi. L’Hofburg è stato uno dei principali centri del potere asburgico, e ancora oggi parte dello staff del presidente d’Austria ha gli uffici al suo interno.

Schonbrunn Palace

Schonbrunn è la sfarzosa residenza estiva della corte asburgica; il palazzo, immenso, è circondato da giardini curatissimi; dall’arco della Gloriette, sulla sommità della collina, si può godere di uno splendido panorama su Vienna. Dal 1996 il castello è Patrimonio dell’Unesco ed è uno dei siti più visitati d’Austria.

cose da vedere a Vienna
Schonbrunn

Hundertwasser House e Prater

A circa 15 minuti a piedi dal Prater si trova il quartiere più all’avanguardia, quello dove l’architetto Hundertwasser ha deciso, negli ultimi anni Ottanta, di dar vita ad un complesso di case popolari la cui struttura prendesse le distanze dai palazzi perfetti del centro. Le linee delle case, qui, vanno di pari passo con la realtàmultiforme ed imperfetta. Poco più avanti, il museo dedicato ripercorre le tappe della costruzione e l’idea che si nasconde dietro l’opera realizzata.

In primavera ed in estate è piacevole trascorrere un’intera giornata nel Prater, il parco che da sempre ospita famiglie viennesi e non, in cerca di un po’ di divertimento tra giostre, bancarelle, locali. Molte delle sue attrazioni, però, restano chiuse da novembre a marzo. Solo la ruota panoramica continua a girare 12 mesi su 12, senza alcuna sosta.

cose da vedere a Vienna
facciata Hundertwasser House

I musei da vedere a Vienna in tre giorni

Vienna è ricca di musei magnifici. Primo tra tutti, il Belvedere, che custodisce le opere più famose di Gustav Klimt, come “Il Bacio” , “Adamo ed Eva”, “Giuditta”. La collezione si divide in Belvedere Inferiore e Belvedere Superiore, per il quale si può acquistare un biglietto. Il ticket cumulativo, invece, comprende l’accesso al Belvedere inferiore.

Il Museo Leopold ed il Museo della Secessione contengono altre opere di Klimt; quello della Secessione, in particolare, è interamente dedicato agli artisti alla omonima corrente diffusasi in Austria e Germania ai primi del Novecento.

L’Albertina, anticamente dimora reale degli Asburgo è stato oggi trasformato in uno spazio espositivo dedicato al modernismo e all’arte contemporanea. Colpisce il suo tetto a forma d’ala, progettato da Hans Hollein nel 2003.

Vienna in 3 giorni musei
museo Belvedere

Dove mangiare a Vienna

Il piatto tipico è la cotoletta. A questo proposito, girano diverse leggende, tra cui quella che con l’invasione austriaca la cotoletta sia stata esportata a Milano; l’altra versione, invece, dice l’esatto contrario, ossia che gli austriaci, una volta invasa Milano, si siano innamorati del nostro piatto e non abbiano perso tempo a riprodurlo in casa loro. Probabilmente nessuno lo saprà mai con certezza, sta di fatto che i viennesi siano orgogliosi della wiener schnitzel, e quindi, provarla nella capitale austriaca è d’obbligo. Ecco qualche indirizzo utile su dove mangiare a Vienna.

Pürstner

Presenta arredi da vero cottage bavarese, con gli interni in legno dove è forte il richiamo agli ambienti tipici delle località montane. Il vasto menù è ricco di tutti i piatti tipici e il personale è cortese. Prendendo secondo e contorno si spendono circa 20 euro. Sarebbe consigliabile prenotare con un po’ di anticipo.

Hotel Sacher Café

Una vera e propria istituzione: visitare Vienna senza fare un salto al Sacher Café sarebbe un vero sacrilegio. È qui che nacque la torta best seller, per cui non spaventatevi per la fila all’ingresso (è normale che sia così, ed è anche giusto). Al piano superiore ci sono i posti a sedere, mentre al piano terra c’è lo shop: potete scegliere tra torte sacher di varie misure, ma preparatevi a prezzi impopolari.

Kurkonditorei Oberlaa

È una rinomata catena di pasticcerie viennesi, se ne trovano alcune sparse per la città. Sin dalla sua nascita nel 1974, si è distinta per la qualità delle materie prime utilizzate e per la bontà dei dolci fatti in casa. Inoltre, tra i dolci proposti, sono presenti opzioni senza glutine e senza lattosio. Oltre ad essere tutto buono, è anche molto curato l’ambiente.

Se vi è piaciuto questo articolo, forse potrebbe interessarvi Madrid in tre giorni.

Dove alloggiare a Vienna: Austria Trend Hotel

Austria Trend Hotel è una catena locale, che vanta numerose strutture disseminate in giro per Vienna, per tutta l’Austria e la Slovenia. Il rapporto qualità prezzo è ottimo, le camere sono pulite, ampie e dotate di ogni comfort; l’arredamento si presenta semplice e lineare e le posizioni di ogni albergo sono sempre strategiche. Il personale è molto attento alle esigenze degli ospiti. Per visitare Vienna, la struttura consigliata è quella situata nei pressi del Rathaus, il Municipio.

(2) Comments

  1. Se penso a Vienna il primo aggettivo che mi viene in mente per descriverla è “elegante”. Poi aggiungerei raffinata e meravigliosa. Ci sono stata da bambina insieme ai miei genitori e conservo di quel soggiorno un bellissimo ricordo. Abbiamo visto quasi tutti i luoghi che hai menzionato e leggendo questo tuo blogpost mi è venuta una gran voglia di tornare in questa capitale, ma come periodo opterei per la primavera inoltrata. Non sono un’amante dei mercatini di Natale e non sopporto il freddo, per cui preferisco la bella stagione per visitare le città del centro o nord Europa. Grazie per i consigli su dove mangiare. Per quanto riguarda l’alloggio, invece, dove hai dormito?

    1. 24hourstrotter says:

      Ciao Valentina! Io ho alloggiato nei pressi del Rathaus (il meraviglioso municipio), in uno degli hotel della catena Austria Trend. Devo dire che mi sono trovata davvero molto bene. Anzi, grazie per avermi dato l’opportunità di rispondere a questa domanda perché ho dimenticato di inserire il paragrafo sull’alloggio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.