dove mangiare a Gaeta
RIVIERA DI ULISSE

Dove mangiare a Gaeta: proposte tradizionali e innovative

Durante il blogtour #GaetAvventura organizzato da trevaligie.com ho avuto la possibilità, insieme alle altre travel blogger partecipanti, di testare l’eccellente gastronomia locale in più di qualche ristorante. Di seguito vi racconto la mia esperienza e vi dò qualche consiglio su dove mangiare a Gaeta.

Dove mangiare a Gaeta in zona lungomare

Le proposte culinarie sono numerose, eccone alcune più rappresentative delle varie aree di Gaeta.

ComeilMare – Via Lungomare G. Caboto, 75

Si tratta di un format molto innovativo ed informale, perfetto per una serata tra amici o in famiglia. Il servizio al tavolo non è previsto: si compila un menù e si porta in cassa, si recuperano i coperti e le bevande, ci si accomoda ad uno dei tavoli, finché non si viene chiamati per ritirare i propri ordini. In cassa bisogna comunicare a quali piatti dare la precedenza. Il pesce è freschissimo, i proprietari possiedono anche la pescheria accanto. Da provare il soute di cozze con pomodorini ed una spolverata di peperoncino. I primi piatti prevedono l’utilizzo del pescato del giorno: noi siamo state molto fortunate e abbiamo potuto gustare delle linguine con olive di Gaeta e crema di alici. In ogni caso, le proposte sul menù sono davvero molte, e spaziano dai piatti tradizionali come la frittura di alici o di calamari e gamberi, fino a pokebowls con tonno, salmone o panini gourmet. L’arredamento è prettamente in stile mediterraneo, i tavoli all’aperto sono tempestati di coloratissime maioliche e sulle pareti l’attenzione viene richiamata da reti e timoni. Insomma, un posto di mare che sa di mare.

Dove mangiare a Gaeta sul mare

Se siete al mare e non volete spostarvi in centro, ecco due proposte davvero interessanti.

Gneo Fonteo – Via Fontania, 16

Non capita tutti i giorni di trascorrere una giornata di mare dove anticamente sorgeva una villa nobiliare romana, per la precisione appartenuta al console Gneo Fonteo. Da Gneo Fonteo si degustano deliziosi prodotti locali fatti in casa secondo le ricette tramandate di generazione in generazione, come la tiella con il polpo. Gustose anche le bruschette con alici, eccellenza del territorio. Come piatto principale, assaggiate il tenero carpaccio di baccalà marinato con olio e sale (di una bontà notevole), con contorno di verdure. Giuseppe Valente sarà ben felice di farvi da guida all’interno delle grotte dell’antica villa. Da Gneo Fonteo potete noleggiare ombrelloni e lettini sulla suggestiva spiaggia di Fontania a prezzi accessibili, oppure sul solarium adiacente al ristorante, per godere di maggiore tranquillità. Una piccola curiosità? Tra gli alberi, sul prato, se guardate con attenzione, noterete anche un piccolo banano.

Nave di Serapo – Via Marina di Serapo, 25

Un ristorante sul mare, con tanto di stabilimento balneare nella spiaggia più famosa di Gaeta, quella di Serapo. Lo staff è disponibile ad accontentare qualsiasi esigenza: che vogliate assaporare una ricca insalata con tonno, pomodori e mozzarella, o che vogliate provare tiella, alici fritte o un gustoso primo a base di pesce, sarà fatto! Nave di Serapo è totalmente plastic free, per cui, anche se voleste mangiare sotto l’ombrellone in comode vaschette, non commetterete nessun danno contro l’ambiente: è tutto in fibra di mais. In verità, Nave di Serapo è più di un semplice lido, è anche una biblioteca, un centro benessere e persino un parrucchiere! Provare per credere.

Dove mangiare a Gaeta Medievale

Avete appena visitato le chiese più importanti della città e volete trascorrere una serata a lume di candela, in compagnia di un buon calice di vino? Ecco quello che fa per voi.

Scirocco Bistrot – Via Annunziata, 11

Se siete alla ricerca di una proposta romantica, dal tocco raffinato e gourmet nel centro storico di Gaeta, Scirocco è il ristorante adatto all’occasione. L’esperienza inizia già nel momento in cui vengono serviti i piatti ancora vuoti, in ceramica, coloratissimi o ricchi di motivi maiolicati. La chef Giorgia di Marzo ama rivisitare ricette tradizionali, arricchendole con note estrose ed innovative. Si parte con delle polpettine di alici servite con una salsa ai peperoni; si continua con frittura di calamari e gamberi aromatizzata con paprika dolce e buccia di lime, accompagnata da maionese homemade. Il primo piatto è una linguina con olive di Gaeta, pomodorini e tonno fresco. Chi ben comincia è a metà dell’opera, ma una menzione speciale va fatta alla chef per aver rispolverato una gustosissima antica ricetta della tradizione gaetana, ormai quasi dimenticata anche dai gaetani stessi: le “ciammelle ellenesi”. Si tratta di un impasto povero, fatto di farina, uova e un filo d’olio: vengono cotte in forno e cosparse di una glassa allo zucchero e limone. Che dire, cena da 10 e lode!

Spero di esservi stata utile con questi suggerimenti su dove mangiare a Gaeta. Forse potrebbe interessarvi anche Dove mangiare a Sperlonga!

2 Comments

  • Michela A.

    Quest’estate sono arrivata poco lontana da Gaeta e speravo di riuscire ad arrivarci, ma ahimè il tour era già bello intenso. La cucina comunque sembra deliziosa. Il carpaccio di baccalà o le bruschette con le alici sono piatti che qui al nord non si trovano con facilità e che mi ispirano moltissimo!

  • Silvia The Food Traveler

    Quindi Gaeta è la meta adatta per chi come me in viaggio pensa innanzitutto a mangiare! Avrei bisogno di un paio di giorni per provare tutti questi posti (e per ritagliarmi un po’ di tempo anche per vedere la città), e penso proprio che partirei da Gneo Fonteo per le bruschette con le alici, che adoro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.