Site icon 24 Hours Trotter

Foliage in Italia: i 10 luoghi da non perdere

foliage in Italia

Dove si può assistere allo spettacolo del foliage in Italia? La bella stagione è ormai andata e ha lasciato spazio al fresco, alla zucca e alle castagne. Lasciamoci quindi consolare dalla cosa più bella dell’autunno: i suoi colori.

I luoghi del foliage in Italia

Val di Funes

È una minuscola valle di soli 24 km in alto Adige, tra la Valle Isarco e il Parco Naturale Puez-Odle. È celebre per aver dato i natali al famoso scalatore Reinhold Messner. Le imponenti e maestose cime delle Odle fanno da sfondo ad un puzzle di sfumature dal giallo al rosso acceso. Il foliage in Val di Funes si può ammirare dalla seconda metà di settembre alla fine di novembre, ma ogni stagione è perfetta per una vacanza da queste parti, all’insegna dell’ecosostenibilità.

di Marco Santini – fotografia fornita dall’Ufficio Turistico Val di Funes

Foreste Casentinesi

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi è stato istituito nel 1993 e copre 36mila ettari tra Toscana ed Emilia-Romagna. Comprende aree dove l’ambiente naturale è conservato in completa integrità. La rete sentieristica può essere percorsa a piedi o in bici, si può scegliere di farsi accompagnare da guide esperte. Uno dei punti più sensazionali per ammirare il foliage è la millenaria foresta di Camaldoli, all’interno della quale si trovano il Museo Ornitologico (nei pressi dell’Infopoint), l’Eremo ed il Monastero di Camaldoli.

di N.Agostinifotografia fornita da Ufficio Promozione Parco Foreste Casentinesi

Monte Amiata

Il Monte Amiata è situato tra la Maremma, la Val d’Orcia e la Val di Paglia. La sua posizione è abbastanza privilegiata: è circondato da numerosi borghi come Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castiglione d’Orcia, Piancastagnaio, Santa Fiora, Seggiano che potreste visitare dopo aver ammirato lo spettacolo del foliage. Esistono vari percorsi di trekking, tra cui quello dei castagneti di Arciridosso oppure quello da Abbadia San Salvatore a Piancastagnaio.

Fonti del Clitunno in Umbria

Si tratta di un piccolo parco situato a Campello sul Clitunno in provincia di Perugia, tra Spoleto e Foligno. È uno dei più fotografati foliage in Italia: vi sembrerà di essere approdati in un mondo fatato, tra salici e pioppi che si poggiano dolcemente sulle acque del lago, un piccolo tempietto dedicato al Dio Clitunno (dichiarato Patrimonio dell’Unesco) e le numerose specie faunistiche. I colori dell’oasi naturale variano di mese in mese, ma durante la stagione autunnale lo spettacolo è davvero impagabile.

Faggeta vetusta del Monte Cimino

In circa un’ora di macchina da Roma si può raggiungere una faggeta vetusta patrimonio Unesco dal 2017. Si tratta di un grande bosco di faggi e castagni a poco più di mille metri sul livello del mare, nel comune di Soriano nel Cimino. Si ammira il foliage e si trascorrono dei momenti di relax a contatto con la natura, passeggiando o semplicemente leggendo un buon libro sdraiati sotto gli alberi.

LEGGI ANCHE: Faggeta Soriano nel Cimino in autunno

Campaegli a Cervara di Roma

Campaegli è una frazione del comune di Cervara di Roma, situata all’ingresso del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. La località è frequentata in ogni periodo dell’anno: in inverno si pratica lo sci di fondo, in estate trekking ed equitazione. L’autunno è la stagione perfetta per le passeggiate alla scoperta dei colori del parco ricco di pini, faggeti e lecci. Se voleste incontrare anche dei cervi, spostatevi nella località Prataglia, l’altra frazione di Cervara di Roma.

di Alberto Mantegnafotografia fornita dall’Ufficio Comunicazione – Educazione Ambientale del Parco Monti Simbruini
di Mauro Carafotografia fornita dall’Ufficio Comunicazione – Educazione Ambientale del Parco Monti Simbruini

Forca d’Acero

È un valico montano poco trafficato che collega l’Appennino laziale al Parco Nazionale d’Abruzzo; è circondato dai boschi e, nei pressi del Monte Tranquillo, è situata una faggeta secolare che in autunno richiama numerosi turisti per i suoi colori accesi tendenti dal giallo al porpora. Molte escursioni partono proprio da qui e, per gli appassionati di sport invernali come lo sci di fondo, c’è la pista nazionale di Macchiarvana. Forca d’Acero è uno dei punti più suggestivi per ammirare il foliage in Italia e per scattare delle eccellenti fotografie.

Parco Naturale Regionale Taburno Camposauro

Il Parco Taburno Camposauro fa parte dell’Appennino campano e ha un’estensione di circa 12mila ettari nella provincia di Benevento. Sono stati creati svariati percorsi tematici a sfondo storico-culturale volti alla scoperta delle tradizioni dell’area che il parco attraversa, e nove sentieri per gli appassionati di trekking. Nel comune di Foglianise i colori autunnali si manifestano nei paesaggi legati alla produzione del vino, mentre lungo la Via dei Briganti incontrerete la Piana dei dieci faggi, alla base del Monte Cardito. Qui resta ancora il rudere della Caserma Reale (o casina vecchia), antico rifugio dei briganti.

Oasi WWF di Guardiaregia e Campochiaro

La regione Molise si sta rivelando pian piano la star del nuovo turismo lento d’Italia, all’insegna del distanziamento sociale. Sono ancora molti i luoghi dalla bellezza incontaminata e uno di questi è il Matese, importante catena montuosa dell’Appennino meridionale. In autunno lasciatevi sorprendere dai rigogliosi boschi di querce, abeti, castagni, betulle. Ma non è tutto: la natura qui si manifesta in tutta la sua potenza nei fenomeni carsici, nelle cascate e negli abissi. Un luogo decisamente inconsueto per ammirare il foliage in Italia, ma che merita davvero.

di Nicola MerolaArchivio WWFfotografia fornita da Riserva Regionale Guardiaregia Campochiaro

Parco Naturale Regionale delle Serre

Il parco situato tra l’Aspromonte e la Sila si estende su quasi 18mila ettari, interessa le province di Catanzaro, Reggio Calabria e Vibo Valentia e più di 20 comuni, tra cui Stilo. Il Parco delle Serre sembra quasi un mondo parallelo in cui la natura è l’unica protagonista. Incontrerete boschi, laghi, fiumi, cascate, abbazie e santuari. Sono molti gli scorci dove si rifugeranno i fruitori del parco amanti del foliage: basta perdersi per scovarli.

Exit mobile version