Tour Irlanda del Nord
Europa

Irlanda del Nord: tour tra Dublino e Belfast

Partiamo da Dublino alla scoperta dell’isola delle meraviglie attraverso il tour Paddiwagon verso l’Irlanda del Nord.

Verde. Verde ovunque. E mare azzurro, azzurro brillante anche quando il cielo è grigio. Sono questi i colori dell’isola che tutti sognano di vedere almeno una volta nella vita. Paesaggi e natura incontaminata la fanno da padrone, l’animo rinvigorisce, la modernità a tratti è lontana anni luce.

Irlanda del Nord: The Dark Hedges, Carrick-a-rede rope bridge

Lungo la costa si incontrano verdi distese che si perdono nell’orizzonte, pascoli, cottage, antichi castelli, scogliere a picco sull’oceano, fari; ancora, The Dark Hedges nella Contea di Antrim, strano tunnel naturale formato da faggi secolari divenuto celebre perché utilizzato come set cinematografico in Game of Thrones. Sempre nella stessa contea, nel villaggio di Ballintoy, il ponte di corda sospeso attrae un gran numero di visitatori ogni giorno. I più temerari potranno persino attraversarlo, raggiungere l’isolotto di Carrick e tornare indietro. Quando il cielo è terso, da qui è possibile ammirare le coste della Scozia.

Tour Irlanda del Nord

Irlanda del Nord: Giant’s Causeway e Dunluce Castle

D’obbligo passeggiare sul selciato del gigante, The Giant’s Causeway, una delle principali attrazioni naturalistiche dopo le Cliffs of Moher, dal lato opposto dell’isola. La leggenda narra che le colonnine basaltiche che emergono dalle acque siano state piazzate lì dal gigante Finn McCoole che doveva raggiungere a piedi la Scozia. In realtà, la loro presenza è dovuta ad un’eruzione avvenuta milioni di anni fa. Dal 1986 l’intera area, paradiso per morfologia, flora e fauna, è stata dichiarata Patrimonio dell’Unesco.

Le sorprese che riserva la Contea di Antrim non finiscono qui. Situato su una scogliera a picco sull’Oceano, il Castello di Dunluce, tra i più antichi e suggestivi d’Irlanda, resiste ancora alle intemperie, nonostante una forte tempesta nel Seicento ne abbia causato la parziale distruzione.

Irlanda del Nord: Belfast

Dall’estremo nord, scendendo poco più a sud, ecco Belfast, che offre molto più del solo celebre museo del Titanic. Sono ancora percepibili le ferite profonde lasciate dalla guerra civile, vari muri dividono i quartieri cattolici dai quartieri protestanti, diversi sono i murales che tentano di ricostruirne la storia, ma mai in modo completamente imparziale.

Questa l’ultima tappa del tour verso l’Irlanda del Nord; è solo un breve assaggio del Paese, che di certo non sazia, ma appaga per ora, per le intense emozioni contrastanti che anche in così poco riesce a trasmettere. 

3 Comments

  • francesca

    Io consiglio di fare un viaggio anche a Derry (tra Belfaste e il Selciato del Gigante), per capire effettivamente i troubles degli anni ’70 e l’influenza che hanno ancora oggi sull’Irlanda del Nord.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.