sfilata Dior a Lecce
LIFESTYLE & TRAVEL TRENDS

Sfilata Dior a Lecce e la definitiva ascesa della Puglia

Quando si fondono moda, cultura e tradizioni accade sempre qualcosa di magico. Soprattutto se la cultura in questione è quella salentina: tacco d’Italia, (quasi) fine del mondo. Con la sfilata Dior a Lecce qualcosa cambierà.

Un piccolo capoluogo di provincia, conosciuto soprattutto per essere il principale centro del barocco italiano, per 22 minuti ha fatto il giro del mondo.

Quello che Maria Grazia Chiuri ha combinato ieri sera passerà alla storia, e non ci sarà un solo salentino che dimenticherà il suo nome.

Ha consacrato Lecce e la Puglia a livello internazionale, preparandole finalmente a spiccare il volo. Un evento di tale portata forse il Salento non lo aveva mai visto.

C’era tutto, ed era perfetto: le luminarie delle tipiche feste patronali, un’orchestra, un corpo di ballo che danzava a suon di taranta, gli abiti indossati dalle donne di una volta palesemente ispirati alla civiltà rurale: fazzoletto in testa, rigidi bustini e gonne larghe adatte al duro lavoro nei campi.

Queste rivisitazioni fortemente identitarie sono sfociate in creazioni sobrie ma d’impatto, di un’eleganza unica. Il tutto, nella cornice senza eguali dell’imponente Duomo di Lecce.

La stilista non ha lasciato nulla al caso, e il suo animo femminista ha richiamato l’attenzione di tutti: tra i messaggi più belli lanciati dalle luminarie, c’era questo: “She is clothed with strenght and dignity”. Un vero e proprio inno alla potenza delle donne, senza se e senza ma.

E non c’è polemica che tenga: a beneficiare della sfilata Dior a Lecce non sarà solo la città, ma un sistema di valori autentico ed unico al mondo, che va tutelato, preservato con forza, ma anche “sfruttato” per garantire una maggiore visibilità alle comunità locali, alle tradizioni ben radicate, alla bellezza di una terra che passo dopo passo si sta conquistando il suo posto nel mondo. E da protagonista.

8 Comments

  • Ilenia

    Ho trovato l’allestimento della sfilata veramente sorprendente, in linea con quella che è la tradizione del nostro Paese. Un evento dalla forte risonanza che sicuramente contribuirà a far conoscere una città come Lecce

  • paola

    Ho letto di molte polemiche a seguito di questa iniziativa. Personalmente considero molto vantaggioso questo sodalizio tra moda, cultura e turismo. La bellezza è unire diverse espressioni artistiche per apprezzarne il risultato. Mi piacerebbe tanto essere lì…

  • Helene

    Secondo me questa è un ottima opportunità per la città, per farsi conoscere anche a quella porzione di pubblico che magari non l’aveva presa in considerazione mentre per Dior è un bellissimo contesto dove organizzare una sfilata.

  • Moira

    Visto in diretta su INSTAGRAM. Mi è piaciuta moltissimo la location e come hanno saputo rendere chic un allestimento che poteva sembrare troppo eccessivo. Bravi tutti! E poi la cornice è stupenda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.