24 Hours Trotter

Spiagge del Salento meno affollate

Da quando ho incontrato la mia dolce metà, galatinese d’origine, la Puglia è una seconda casa. Non tutti hanno la fortuna di poter visitare il tacco d’Italia in bassa stagione, perciò vi propongo questo mini manuale di sopravvivenza al caos, con le spiagge del Salento meno affollate e qualche dritta per trascorrere giornate in tranquillità sia sullo Ionio che sull’Adriatico, in una Puglia meno turistica.

Spiagge del Salento meno affollate sul Mar Ionio

L’assalto degli ultimi anni alle coste salentine si è consumato prevalentemente nei tratti ionici sabbiosi di Porto Cesareo e di Gallipoli, accessibili e facili da raggiungere, con le tipiche spiagge chiare e l’acqua caraibica. Ma c’è ancora qualche punto che sfugge alle grinfie dei turisti meno intraprendenti.

Porto Selvaggio e Baia di Uluzzo

Porto selvaggio è una delle spiagge incontaminate del Salento, situata all’interno dell’omonima area protetta. Si può lasciare l’auto nel parcheggio più vicino al costo di 1€ all’ora, e si percorre 1 km di pineta per giungere a destinazione. Se dopo la fatica preferite non rinunciare alla comodità di un lettino, il lido offre tutti i servizi sopra una piattaforma in legno, montata sugli scogli. 

A poca distanza c’è la Baia di Uluzzo, altra tra le spiagge meno frequentate e raggiungibile solo tramite un sentiero di media difficoltà

Data la scarsa accessibilità di entrambe, difficilmente troverete il pienone, neanche in agosto inoltrato.

Spiaggia di Porto Selvaggio

Spiaggetta di Santa Caterina

Si trova poco più a sud della Baia di Porto Selvaggio, racchiusa tra le due torri saracene di Torre Santa Caterina e Torre dall’Alto. Appena sotto Torre Santa Caterina c’è una spiaggia con la sabbia frequentata per lo più da residenti, mentre il resto della costa è roccioso. Gli appassionati di trekking potranno percorrere il sentiero che sale fino a Torre Santa Caterina e dalla cima godranno di una splendida vista sulla baia.

baia di Santa Caterina
Torre di Santa Caterina

Spiaggetta di Santa Maria al Bagno

Santa Maria al Bagno è la frazione di Nardò ricca di dimore in stile coloniale, che quasi affacciano sull’acqua. Alla spiaggetta si accede tramite le scale che partono dalla strada. Concedetevi, poi, un gustoso pranzo al Ristorante La Pergola.

RISTORANTE LA PERGOLA
Dove: Piazza Nardò, 5, Santa Maria al Bagno, 73050 Nardò LE
Contatti: 0833 573008
Orari: 0-16, 17-00 dal lunedì alla domenica
Fascia di prezzo: €€

Spiaggia di Santa Maria al Bagno

La Reggia di Galatone

Qui la costa è rocciosa e regala tramonti indimenticabili, tra una birra a suon di musica da KilomentroZero, e una lezione di yoga. La Reggia di Galatone è una delle spiagge poco affollate del Salento e preserva la sua indole ribelle.

KILOMETROZERO GASOLINE
Dove: Località La Reggia, 73044 Galatone LE
Contatti: 392 590 2669
Orari: 12-02 dal lunedì alla domenica (aperto in estate)
Fascia di prezzo: €€

spiaggetta in località La Reggia a Galatone

Rivabella di Gallipoli

Rivabella è una frazione di Gallipoli, e la sua è tra le spiagge meno frequentate della città. In compenso, la qualità delle acque è di pari livello. In pieno agosto potreste trovare più gente, ma nulla a che vedere con l’afflusso tipico delle spiagge più famose, come Baia Verde, Punta della Suina o Lido Pizzo.

Mauro e l’acqua cristallina a Rivabella di Gallipoli

Marina San Gregorio 

È la spiaggia di Patù, piccolo borgo di pescatori che conserva intatta la sua anima. A Marina di San Gregorio ci sono gli scogli, oppure si possono noleggiare ombrellone e lettini per un maggiore comfort. Non lasciatevi sfuggire un pranzo o una cena al ristorante La Rua de li Travaj, dove assaggerete la vera cucina tipica salentina a prezzi più che abbordabili, e ve ne innamorerete.

RISTORANTE LA RUA DE LI TRAVAJ
Dove: Piazza Indipendenza, 44, 73053 Patù LE
Contatti: 349 058 4531
Orari: 19-00 dal lunedì al sabato, domenica aperto anche a pranzo dalle 12 alle 15
Fascia di prezzo: €€

Marina di Felloniche

È divisa tra i comuni di Patù e Castrignano del Capo. Si tratta di una piccola insenatura sabbiosa, riparata dal vento. Si possono noleggiare ombrellone e lettini, oppure ci si può fermare sulla spiaggia libera. Dopo un tratto sabbioso, verso San Gregorio, c’è un tratto di spiaggia rocciosa meno frequentato.

Spiagge del Salento meno affollate sul Mar Adriatico

Sono ormai poche le spiagge nascoste e sconosciute ai turisti anche da questo lato, ma con un po’ di fortuna e il giusto tempismo, riuscirete ad esplorarlo in maniera intelligente. La costa adriatica del Salento è un susseguirsi di caletteinsenaturegrotte e spiagge strette, fatta eccezione per Baia dei Turchi, la spiaggia dei Laghi Alimini e Baia delle Orte. Indispensabili delle scarpette anti scivolo per sopravvivere agli scogli.

Conca Specchiulla

Piccola insenatura sabbiosa, delimitata da coste alte e rocciose. Si trova nelle vicinanze di Sant’Andrea, ma è poco nota e quindi meno affollata. È stato il primo luogo a cui la mia dolce metà salentina ha pensato quando volevo sapere tutto sulle spiagge nascoste ma mozzafiato.

Le tre spiaggette prima di Baia dei Turchi

Alle minuscole Spiaggia dei PorticeddhriCaletta di Toraiello e baia di Santo Stefano ci si arriva un po’ per caso dopo aver percorso il sentiero di Baia dei turchi, o dopo aver attraversato una pineta che si incontra poco più avanti di un parcheggio. Arrivando prestissimo al mattino, potreste riuscire ad occupare tutto lo spazio a disposizione e avere le spiagge (quasi) interamente per voi. 

Baia del Mulino d’Acqua

Fino a qualche anno fa era del tutto sconosciuta ai turisti, ultimamente, invece, complice anche la viralità di instagram, ha cominciato a popolarsi. Per accedere alla spiaggia bisogna pagare l’ingresso ad un campeggio e superata la capienza massima non si entra più. La spiaggia vera e propria, di proprietà del campeggio, è stata chiusa per pericolo crolli, ma i bagnanti continuano ad aggirare il divieto. Il proprietario del camping è stato costretto a far firmare delle liberatorie per esonerarsi da ogni responsabilità.

CAMPING VILLAGE MULINO D’ACQUA
Dove: Loc. Mulino d’Acqua, Via Vicinale Santo Stefano, 73028 Otranto LE
Contatti: 0836 802191 
Ingresso: 15€ (si consiglia la prenotazione)

Spiaggetta al centro di Otranto

Otranto (e dintorni) è ricca di spiagge meravigliose che nei mesi di luglio e agosto fanno registrare il tutto esaurito. Però, prima di una visita al centro storico, ci si potrebbe concedere un bagno nell’acqua – senza troppe pretese – a pochi passi dal porto. Dal punto di vista naturalistico non è lontanamente paragonabile a Baia dei Turchi o ai Laghi Alimini, ma bisogna sapersi accontentare: la spiaggia del centro storico di Otranto offre il giusto compromesso tra poca confusione, vicinanza ai monumenti, e qualità delle acque più che accettabile.

spiaggia a pochi passi dal centro storico di Otranto

Porto Badisco

Baia situata nei pressi di un antico porto canale, a pochi km da Otranto. Nelle vicinanze di Porto Badisco si trova la Grotta dei Cervi, che conservagraffiti rupestririsalenti al Neolitico, ma l’accesso è consentito solo mediante escursione guidata. Se per la vostra giornata di mare la scelta ricadrà su Porto Badisco, ricordatevi di un aperitivo vista mare al tramonto da Skafè al Casotto.

SKAFE AL CASOTTO
Dove: 73028 Porto Badisco LE
Contatti: 347 807 9251 
Fascia di prezzo: €€

Spiaggia di Porto Badisco

Spiaggia di Tricase Porto

Piccola spiaggia a ridosso del porto e ai piedi di una elegante dimorain stile. Animata prevalentemente dai residenti, è molto adatta ai bambini per la presenza di sabbia. In altissima stagione si sta un po’ stretti, ma andando presto la mattina (è sempre questo il segreto), riuscirete a ricavarvi un posticino. 

Spiagge del Salento meno affollate: scegliere in base al vento

La penisola salentina è una lingua di terra protesa sul Mediterraneo; a Santa Maria di Leuca, punta del tacco d’Italia, c’è la linea immaginaria che divide il Mar Ionio dal Mar Adriatico. A seconda della direzione del vento, uno dei due mari sarà calmo, viceversa l’altro sarà agitato. Quando soffia la tramontana è consigliabile scegliere il tratto costiero del Mar Ionio, oppure il tratto di Mar Adriatico tra Otranto e Leuca. Quando soffia lo scirocco, meglio optare per la costa dalla marina di Lecce fino ad Otranto (Adriatico Nord). Nelle giornate di grecale, è opportuno recarsi tra Leuca e Gallipoli (Ionio meridionale). Infine, nei giorni di levante, è preferibile la costa ionica tra Gallipoli e Sant’Isidoro (Ionio settentrionale).

Exit mobile version